mercoledì 12 ottobre 2016

Si alza alto il grido ...... Risponderanno ?

Alzata di scudi dopo il secondo parto avvenuto in tre giorni in autoambulanza su per la Montagna. Numerose le iniziative volte a portare la giusta e sacrosanta pressione sugli organi competenti che al momento sembrano sordi arroccati nel loro castello di cristallo. Se non si renderanno conto che su per la Montagna i Cittadini non solo sono preoccupati per lo specifico ma esasperati dai continui tagli dei servizi allora non ci vorrà molto per superare il punto di non ritorno. Di seguito la presa di posizione di Silvia Piccinini, Consigliera in Regione ER per il MoVimento 5 Stelle:
"
Anche se le statistiche dicono che i parti in ambulanza sono più in frequenti in città, questo non vuol dire che eventuali conseguenze per mamme e neonati che vivono in montagna siano le stesse. Per questo l’assessore Venturi e la Regione non possono continuare a mettere a rischio la sicurezza di chi ha deciso di vivere a Porretta o in un altro comune della zona montana”. È questo il commento di Silvia Piccinini, consigliera regionale del M5S, riguardo al caso del parto in ambulanza che si è verificato nei giorni scorsi a Vergato e che è stato oggetto oggi in Assemblea Legislativa di un question time a cui ha risposto l’assessore Sergio Venturi.
“L’assessore non può sottovalutare quanto è avvenuto in questi giorni sostenendo che i parti precipitosi sono più frequenti in città e in pianura – spiega Silvia Piccinini – Proprio per il fatto che questi casi sono sempre più frequenti bisogna intervenire dando sicurezza soprattutto ai territori montani anchemantenendo attivi i punti nascita di quei territori che non rispettavano il limite dei 500 parti annui. Per questo chiediamo che si parta al più presto con la sperimentazione prevista dal Ministero della Salute. Il decreto ministeriale affida alle Regioni la possibilità di richiedere al Comitato percorso nascita nazionale un parere motivato sul mantenimento di punti nascita in montagna anche con volumi di attività inferiori ai 500 parti. L’Assessore ci illustri le richieste che ha avanzato in tal senso al Ministero. Non ci rassicura sapere, come ha detto oggi Venturi in aula, che il parto precipitoso avviene a prescindere dalle località – conclude Silvia Piccinini – visto che è altrettanto vero che le conseguenze sono diverse a seconda di dove questo avviene, della distanza dal più vicino punto nascita e delle condizioni stradali per raggiungerlo. In strutture montane, dove per anni non si sono evidenziate criticità di alcun tipo, non si può utilizzare la scusa della sicurezza per concentrare le partorienti in un’unica struttura incuranti del grave rischio costituito dalle distanze, per percorrere le quali occorrono anche ore intere.
"

Punti nascita, Piccinini (M5S): “La Regione non può continuare a mettere a rischio la sicurezza di mamme e bambini”


[Gaspare Ruggeri]

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget